Home > Primo piano > Poteva accadere, doveva accadere? … è accaduto!

Poteva accadere, doveva accadere? … è accaduto!

19 Ottobre 2008

Era prevedibile che sarebbe successo. Quest’anno il numero delle ragazze, in allenamento, è talmente alto, ingestibile per una normale gestione. Ecco dunque la necessità di iscrivere una squadra di terza divisione e una di seconda. Immagino sia stato difficile per Miglioli, Broggi e Filiguri decidere "chi di qui e chi di la". Inevitabile non poter accontentare tutte! Immaginabile quindi lo scontento di qualcuno. Credo le scelte siano "tattiche", proiettate a puntare a degli obbiettivi ambiziosi, com’è nel dna di Filiguri e della società Arcobaleno. Probabilmente le decisioni dei Misters sembreranno "impopolari" e qualche mugugno si è sentito nell’aria tra le ragazze. Ovvio, logico e scontato. Probabilmente sono decisioni che tengono conto di tatticismi per rinforzare le due squadre nei momenti di difficoltà durante i due campionati. Credo (non so se dico fesserie, smentitemi se non vero) le atlete nelle due categorie possano essere scambiate. Mi spiace molto per quelle ragazze che speravano e credevano nella seconda divisione. In particolare per la Dany e la "Prema", anche grazie al loro contributo, nello scorso campionato si è saliti di categoria. Credo tutte le ragazze debbano, nonostante ciò, rimanere lo stesso unite. Un gruppo forte lo si giudica anche in queste situazioni. Certo forse non son cose facilmente digeribili, ma certamente "superabili". Non voglio fare la morale a nessuno, non ne ho titolo, ma la vita a volte ti riserva delle situazioni ben più gravi e non per questo bisogna mollare! Non mollate mai ragazze, non mollate mai! Continuate ad allenarvi, giocate con grinta, con dedizione e carattere. Dimostrate così a tutti che, anche se con spirito di sacrificio, siete parte di un gruppo, un gruppo unito che punta alla vittoria.
Un abbraccio Pr.
 

Categorie:Primo piano Tag:
  1. 19 Ottobre 2008 a 14:04 | #1

    La pallavolo!!!

    che sport stupendo!…

    vedere persone che gioiscono per stare insieme, per uno sport, una passione, allegria, e serenità.eeeh adoro la pallavolo!!!:)))

    L’importante è crederci sempre…e non mollare mai,stare unite sempre.

    Verox

  2. max coach
    20 Ottobre 2008 a 2:46 | #2

    giusto x ….. credo (non sono un esperto di questioni burocratico-regolamentari) che una ragazza puo’ SALIRE di categoria ma non scendere.. mi spiego. chi ha giocato con la terza puo’ passare a giocare in seconda ma non vice versa.. chi ha già giocato in seconda poi non puo’ andare a giocare in terza nello stesso anno..

  3. Pr.
    20 Ottobre 2008 a 13:14 | #3

    … potrebbe essere quindi questa una delle motivazioni, all’ingrato compito dei coach?

  4. il buon Fabio
    20 Ottobre 2008 a 16:56 | #4

    Non voglio neanche pensare a mettermi nei panni di chi ha dovuto fare la scelta. Deve essere terribile dover fare una divisione così netta e cercare successivamente di continuare il lavoro come se nulla fosse accaduto. Purtroppo era inevitabile che metà delle ragazze ricevessero una delusione, la cui gradazione può andare dal “TERRIBILE” al “Vabbè chissenefrega”. Per un po’ non sarà facile ma penso che per chi è stata selezionata per la terza divisione nasca anche la sfida di conquistarsi un posto nella squadra superiore. Comunque credo che per le under 18 ci sia completa mobilità ovvero possano giocare sia in una squadra che nell’altra senza problemi. Mentre per le over 18, se giocano una partita in IIa non possono più giocare nella IIIa, ma per questo meglio informarmi dal grande, grosso e sperto Visir…

I commenti sono chiusi.