Home > Pallavolo > Scrive il ” Puma”: Lavorare a testa bassa …

Scrive il ” Puma”: Lavorare a testa bassa …

7 Novembre 2008


Difficile fare un commento sulla partita di Martedì, non ricordo nemmeno i parziali, ma poco conta!!

Facile sarebbe trovare delle scuse, ma non è mia abitudine e quindi non lo farò!! Per me le attenuanti non ci sono e non ci devono essere.

Il mondo è pieno di gente che trova delle scuse per giustificare ciò che ha fatto male semplicemente perché è la cosa più facile da fare. Difficile è accettare la realtà, ma è necessario se si vuole migliorare … questo è il messaggio che più di tutti mi preme di trasmettere alle ragazze. Se oggi accettiamo di aver perso perché mancava qualcuno, domani sarà l’arbitro, dopo domani il terreno scivoloso, il mese prossimo un uccello che ci fa la pipì in testa mentre stiamo schiacciando e chi più ne ha più ne metta!!

Il mio discorso e quello di Marco  alle ragazze all’inizio dell’anno è stato chiaro … abbiamo delle lacune tecniche e tattiche che lavorando dovremmo colmare!! Questo è l’obiettivo della stagione e non è cambiato … che si vinca o che si perda. Spesso si confonde il giocar bene col vincere ed il giocar male col perdere … nella mia filosofia non è così!!

Il passaggio che abbiamo in mente è difficile … ci sono molte cose nuove da imparare e spesso troppo poco tempo per provarle. Dobbiamo continuare a lavorare a testa bassa, con grande caparbietà, umiltà e con tanta  voglia di emergere … la partita più difficile da vincere spesso non è quella con l’avversario, ma con se stessi!! Accettare i propri limiti per poi andare avanti … e poi ancora avanti … migliorando giorno per giorno!!

Categorie:Pallavolo Tag: , , ,
  1. rospolavendetta
    7 Novembre 2008 a 14:00 | #1

    I parziali li abbiamo segnati noi e con un po’ di vergogna ve li passiamo: Arcobaleno-Varese perso 2-3 (15-25; 25-20; 12-25; 25-10; 13-15). NO COMMENT!!!!!

    Sono pienamente concorde con Puma sul fatto che c’è parecchio da lavorare per quanto riguarda la tecnica, ma le ragazze devono imparare anche ad avere più sicurezza in loro e non dimostrare quella paura che ha volte le blocca totalmente. La squadra che avevamo davanti, secondo un mio parere da genitore e non da tecnico, ha vinto solo grazie hai ns. molteplici errori e non perchè avessero una tecnica migliore della ns.; comunque aspettiamo la prossima e che questa partita rimanga per loro un’esperienza che le inciti a fare sempre del loro meglio. In bocca al lupo (e crepi) per la prossima. Bacioni a tutte.

I commenti sono chiusi.